GUIDA AL SETUP DI GILMOUR – WISH YOU WERE HERE

Per la registrazione dei WISH YOU WERE HERE Gilmour utilizzò parte degli effetti (pedali) che stava già utilizzando per il tour di The Dark Side Of The moon, durante il quale venne registrato l’album WYWH.

Si tratta sostanzialmente di 4 effetti, con cui registrò tutto l’album, ottenendo sound che hanno fatto la storia della musica.

WYWH 1

EFFECTS

Dallas Arbiter Fuzz Face
Colorsound Power Boost
MXR Phase 90
Binson EchoRec

MXR Dynacomp (live)
EHX Electric Mistress (live)

DeArmond 1602 Volume Pedal
Conn Strobo Tuners

WYWH 2

IMPOSTAZIONI DEGLI EFFETTI

DALLAS ARBITER FUZZ FACE
Fuzz 100% • Volume 70%

COLORSOUND POWER BOOST (Overdrive)
Treble 20% • Bass 50% • Volume 20%

COLORSOUND POWER BOOST (Distorsore)
Treble 20% • Bass 50% • Volume 60%

MXR PHASE 90
Rate 40%

MXR DYNACOMP (usato solo nei live)
Output 60% • Sensitivity 40%

EHX ELECTRIC MISTRESS (usato solo nei live)
Colour 40% • Range 40% • Rate 30%

IMPOSTAZIONI DEGLI EFFETTI PER BRANO

In questo periodo ci sono molto spesso delle modifiche radicali degli effetti di Gilmour, si tratta di una fase transitoria che inizia con Dark Side e finisce (o meglio si attenua) con Animals.
Il setup riportato si riferisce principalmente alla versione studio dell’album.

SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND I-V
Stratocaster > Echorec
Stratocaster > MXR Phase > Echorec
Stratocaster > Colorsound (overdrive) > MXR Phase 90 > Echorec
Stratocaster > Colorsound (distorsore) > MXR Phase 90 > Echorec

WELCOME TO THE MACHINE
Acoustic
Stratocaster > Colorsound (overdrive) > MXR Phase 90 > Echorec (live)

HAVE A CIGAR
Stratocaster > Colorsound (distorsore) > MXR Phase 90 > Echorec

WISH YOU WERE HERE
Acoustic (6+12)
Fender Stringmaster Lap Steel

SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND VI-IX
Stratocaster > Fuzz Face
Stratocaster > Colorsound (overdrive) > MXR Phase 90 > Echorec

Fender Stringmaster Lap Steel con accordatura aperta in Sol (RE SOL RE SOL SI MI)

22 COMMENTS

  1. Ciao Giampaolo,
    in Have a cigar al posto del color sound power boost, posso usare un altro distorsore e più precisamente un Oracle della KOR?

    • Ciao Valerio,
      in linea di massima direi di si, l’importante è che il gain non sia eccessivo, bisogna rimanere vicini ad un overdrive.
      Con un gain troppo elevato (tipo muff per capirci) il sound diventa ingestibile, soprattutto quando puoi ci metti insieme il phaser.

  2. All’inizio di “Wish you were here”, dove si suona con la dodici corde, non riesco a trovare un modo pratico per riprodurre quel suono alla “radio anni ’60”.
    Sarei grato se qualcuno potesse darmi una mano, visto che ci ho provato parecchie volte, il suono si avvicina, ma non ricorda quello originale.
    Grazie

  3. Ciao Giampaolo, sono Stefano e suono in una cover band dei Pink Floyd, e suona la seconda chitarra in shine on you crazy diamonds e come potrai immaginare non sono io quello che fa gli assoli, quindi il tocco delle fatidiche quattro note tocca a me, sulla mia chitarra.. Usando una fender stratocaster modello standard, sapresti dirmi tutti gli effetti presenti? Io uso solo pedalini della boss per adesso e quindi vorrei sapere tipo se sono presenti chorus, flanger, delay o non so.. Grazie in ogni caso 😀

  4. ciao gianpaolo. sono interessato all’acquisto del phase 90.. come mi dovrei orientare per l’acquisto? puoi darmi qualche consiglio? grazie e sempre complimenti per tutto quello che fai.. saluti riccardo

  5. Ciao,

    Mi aiutate nella primo solo di shine come viene composta la catena di effetti,io sulla chitarra ho i pick up emg.Datemi una dritta,grazie a tutti.

  6. io utilizzo per il solo iniziale ( la parte precedente alla famosa frase) suono pulito, reverbero e il boss CS-3 e il suono finale è praticamente lo stesso a quello del disco…

  7. E’ probabile che il compressore venga utilizzato dai più, per replicare la compressione naturale delle valvole.
    Io per il suono di shine metto l’alberta come booster (mooolto tirato) ed il memory-man anch’esso bello tirato saturando così la sezione preamplificatrice dell’amplificatore.
    Per dare quella sorta di ondeggiamento o uso il chorus del memory o l’uni-vibe (quello piccolo) il phase non mi piace per niente.
    Per quanto riguarda la diatriba tra phase 90 e phase 45 so solo che il 45 è stato usato su breathe per shine non lo so.

    • è un pò impossibile che il 45 sia stato usato per breathe essendo in commercio dal 1976 al 1982 mentre breathe è stata pubblicata nel 1973, tuttavia potrebbe essere possibile che sia stato usato il 90 perchè prodotto dal 72 ad oggi (da non confondere il suono di quello anni 70 con quelli a partire dagli 80 fino ad oggi… i vecchi erano molto più delicati, meno invasivi), ma io non credo quello è troppo un suono da vibe.

  8. ..In shine on you crazy diamond manca il dynacomp,usato per la prima parte di chitarra iniziale.In molti sono convinti che è una strato con i toni chiusi,in realtà i toni sono usati normalmente con il compressore.

    • Però per quanto ne so io li il dynacomp non viene usato… almeno nella configurazione “in studio” (che è quella a cui faccio riferimento).

      Il dynacomp venne maggiormente usato negli anni successivi, mentre in studio venne usato, soprattutto per questo album, il sistema ADT (Automatic Double Tracking)

      • Se ascolti bene,e io mi riferisco alla versino in studio,il compressore è molto evidente…il dynacomp compare nel 99% in tutti i suoni puliti di David Gilmour(in alcuni casi sostituito dal cs-2 boss per suoni più cristallini )..ma il compressore è quasi onnipresente..

        • ,..e sempre in questa versione,non sono poche le voci di corridoio che indicano l’uso un phase mxr 45 al posto del più blasonato mxr90…

        • Nella versione in studio non venne usato il Dynacomp… che invece venne usato nelle successive versioni live proprio per dare quell’effetto che invece in studio veniva fatto direttamente nel banco mixer.

          Tra l’altro il Dynacomp venne aggiunto alla pedalbord di David solo nel 1975, proprio per le necessità di David di avere (nei Live) un sound più simile a quello dell’album.

          • ok…anche se ricordo bene di aver letto tantissimo tempo fa di questa cosa su di un sito internet che adesso mi sfugge il nome..ma dynacomp o no,non si può negare che al suono della chitarra pulita ci sia un evidente compressore…si sente chiaramente già dalla prima nota…che sia a pedale o a rack non cambia di molto il risultato…anche perchè io con il dynacomp riesco ad ottenere praticamente lo stesso suono,cosa impossibile con una strato senza l’effetto sopracitato.p.s. : stesso discorso dicasi per l’assolo di another brick in the wall:chitarra pulita.leggero boost e compressore in bell’evidenza.(versione in studio)Saluti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here