TOLERANCE SOUND “REVOLVER” – Recensione ed Intervista

Per la serie “le recensioni del Blog” vi presento il sistema “REVOLVER” prodotto dalla Tolerance Sound.

Si tratta di un sistema molto molto simile al Doppolas, usati da David Gilmour; per chi non conoscesse il sistema doppolas, si tratta di un sistema con speaker rotanti, vagamente ricondoucibile al sistema Leslie, che offre un sound unico nel suo genere.

Il sistema “Revolver” è realizzato in modo artigianale dalla Tolerance Sound, sulla base proprio del sistema Doppolas usato da Gilmour.

Viene prodottio in due versioni il P16 ed il P26: il primo (P16) ha un solo altoparlante, mentre il secondo (P26) ne ha due altoparlanti.
Il sistema utilizza speaker da 6” e collegamenti “Mercury”, è presente inoltre un’uscita “link” per la connessione ad altri sistemi di altoparlanti ed in ingresso per il pedale di espressione.
Per le caratteristiche tecniche complete, comunque, vi rimando al sito della Tolerance Sound.

Questa è l’intervista che ho fatto con Mr.Alvaro, titolare della Tolerance Sound e progettista del sistema.

Giampaolo
Hello Alvaro, tell us briefly about you … Who are you and why you decided to make these revolving speaker.

Alvaro – Tolerance Sound
Hi, I’ve been building amplifiers and effects systems for years. Some time ago I purchased a YAMAHA RA-200 and felt a little disappointed by the amazing heaviness and bulkiness of the unit. It was actually a small part of it that counted, the three (out of sync, which is fundamental for the right effect) rotating speakers. The rest of the unit were normal “fixed” speakers.
I thought it would be nice to have just the rotating part, and leaving the rest of the “normal” sound to my regular guitar amp. Then I realized that’s exactly what David Gilmour was doing with the Doppolas system, relatively small speakers which supply the effect and don’t mess with the bass frequencies, and his normal rig blended with them, to supply the normal sound and the lower end.

 

Giampaolo
Compared to doppolas used by Gilmour, what are the differences?

Alvaro – Tolerance Sound
Gilmour’s units were based on the Maestro Rover. But he wanted to supply more power, and be able to use an amplifier of his choice, so he didn’t include power amp or preamp at all, it’s “just” the speakers, which can (and should) be fed by an external head.
Our units are built to the same specs are Gilmour’s (same size and speaker type, mercury contacts, etc) with some differences:
– Gilmour controls for the speed and circuit are built in a rack unit. We managed to install the circuits and a control plate in the unit itself, which we think makes the Revolver more modular.
– Speed range is wider in the Revolvers.
– The cillinders material is PVC in the case of the Doppolas, but we used a softer plastic (with foam inside) in order to avoid using PVC, which was forbidden some time ago in some countries for being toxic. We have enough “toxic-ness” with the mercury contact.
Basically those are the differences in, on the other hand, very similar units.

 

Giampaolo
How to use these system?

Alvaro – Tolerance Sound
You can think of them as guitar cabinets. So you obviously need an amp head to feed them.
Depending on your guitar amp you could connect them in parallel with your normal speakers, but the recommended way would be to use another head so you have control over the mix (meaning, how loud you want the Revolver sound compared to your normal sound). I change the balance between songs, in some of them (“Us and Them”, “Coming Back to Life”, for example) being actually louder than the “fixed” cabinet sound.
Another factor is, although one unit sounds good by itself, two units are needed for creating the best sound. Just like other systems (like the YAMAHA itself, which has internally three speakers rotating out of sync), the sound given by two units rotating at different speeds make them interact between them, cancelling/reinforcing their frequencies in a always changing pattern. That’s the way Gilmour used them, and there’s a reason for that.
A fundamental thing is finding the right spot for them. Rotating speakers (of any kind) change their sound dramatically from one room to another or even different spots in the same room. If the room has a lot of reflections, a lot of the effect os lost, because when the speaker is not facing you you still can hear the highs when they rebound on the walls, which makes the difference in sound when the speaker is facing you and when is not less dramatic, which lowers the effect. Also it’s important to have the speakers at your ears level: being the high frequencies always very directional, if the speaker is not pointing to your ears, you won’t hear the effect that much.
Another important thing is miking the unit. You should first experiment with mic positions (much more important on this kind of devices than mic type), you’ll find that miking them too close give too much of an annoying tremolo effect, so a little further is recommended, like half a meter or even more. Experiment.
Also two mics for each unit better than one. Lately I’ve been using mine (I have to shoot some youtubes showing how cool is this) with two mics each, 180 degrees between them, panned (the mics) hard left and hard right, so the sound “rotates in your head” and when adding the second Revolver miked this way is just total psychodelia.

 

Giampaolo
What is the difference between the two models?

Alvaro – Tolerance Sound
Honestly, the difference in sound is small. The P16 is *slightly* darker because the smaller cabinet. Its size is exactly as a Maestro Rover, actually you can think of it as an improved Maestro Rover; in terms of signal transmision, the Rover has just a piece of metal which makes contact with a rotating piece of metal, which is quite rudimentary (and noisy in terms of sound pureness) when compared to a mercury contact, which has a perfect signal transmision.
Advantage of the P26 is, being two speakers, you have more range were you can hear them properly, since, as I said, sitting them at ear level is recommended.
And last but definetly not least, the P26 is far more sexy than the P16!

 

Giampaolo
What kind of speakers and materials are used?

Alvaro – Tolerance Sound
The speakers are 6″ 100W ones, chosen to be clear and blend perfectly with a regular guitar cabinet.
The cabinet is made of wood, and the axis is steel.

 

Giampaolo
Add anything you want on your Revolving Tolerance Sound and Speaker.

Alvaro – Tolerance Sound
For me the Revolvers have had such a major impact in my sound. Not only the rotating sound (which, in some degree, in some songs louder than others, I add to almost every song) but I found that the Revolvers add certain frequencies that make the guitar cut so much better in the mix.
I just played some gigs on islands where I couldn’t take them with me and I really suffered the whole show with what I missed!

 

Per chi volesse contattare la Tolerance Sound, è possibile inviare una email all’indirizzo tolerancesound@gmail.com (ovviamente ditegli che venite dal blog!)

 

Questi invece alcuni video presenti su youtube del sistema Revolver di Tolerance Sound

4 comments

  1. appero”…..grande!io ci penso su per natale………cmq ce una netta differenza sonora con e senza…per me sono spaziali.tu giampaolo che ne pensi???i prezzi li ho visti…0_0

  2. SALVE A TUTTI….. dopo molte notti pensate su prendere o lasciare , alla fine ho deciso di acquistare……. che dire!!!!
    allora: da un punto di vista sonoro, in effetti anche con una unità ci si può sbizzarrire in varie soluzioni: in abbinamento con una cassa normale, o con una testata aggiuntiva ed il suono ha la sua bella rotondità, diverso da un comune anche se ottimo simulatore laslie, non c’è paragone di ascolto, nel secondo arriva da un punto fisso (cassa) nel primo il suono ti avvolge completamente, sembra che arrivi da varie direzioni..
    Note negative: sinceramente costruttivamente la struttura è moooooolto scarsa….
    i materiali soprattutto i legni sono deboli e assemblati in malomodo…. e imballati peggio
    nel mio caso: il primo pezzo l’ho dovuto rispedire al mittente, è arrivato praticamente distrutto: il pannello inferiore sfondato, i pannelli verticali e le colonnine con le viti spannate e il legno strappato, si son salvati i coni….
    daccordo che i trasportatori si sa come lavorano, non me ne vogliano tutti, ma essendo nel campo industriale li vedo tutti i giorni come trattano i pacchi…. ma a parte questo vuol dire che la struttura è molto precaria…..
    non ci son stati problemi con il costruttore, anzi, ciò ha dato modo di far fare delle modifiche alla struttura, passando dal legno truciolato (molto sfaldante con le viti in spessori ridotti) al legno multistrato (un pò più solido) Infatti, il secondo invio è stato fatto con la “nuova versione” di legname, purtroppo penso che abbiano un pò di carenza costruttiva da parte del falegname , non riesce a mettere le viti dritte, uscendo quindi dal pannello e indebolendo il fissaggio che poi probabilmente col trasporto….. va bè ci siam capiti….
    Essendo un pò amante del bricolage mi son risistemato con colla e morsetti la struttura.
    Il mio collega chitarrista, non ha resistito al richiamo ed ha ordinato anche lui un P26… anche lì! struttura un pò sconquassata ma accettabile, però…… he he altra sorpresa….. prova e riprova, si sente una distorsione da un cono, prova e riprova cos’è e cosa non è…… taaaac, si fulminano due valvole dell’ampli…. e quindi ampli ko!!! motivo? uno dei due coni nn funzionava e l’ampli avendo un’impedenza scorretta collegata……..
    rimanda il cono al costruttore, ok l’ha sostituito!!! però il quartetto di valvole nuovo all’ampli e tutto il resto della spesa è rimasto a carico dell’ acquirente ovviamente!!!
    tiriamo le conclusioni: il sistema è interessante, ma il costo non mi sembra adeguato all’ oggetto che ti ritrovi, molta disponibilità dal produttore, che non giustifica il fatto che il materiale debba essere mediocre…
    quindi….. chi lo vuole… buona fortuna, si armi di pazienza che prima o poi avrà l’oggetto in condizioni funzionali……

  3. Stessa esperienza di Gallina, materiali mediocri, è arrivata con alcune viti divelte e spanate. fortunatamente anche io mi diletto di bricolage e ho sistemato tutto. rimane una struttura in truciolare rivestito in modo mediocre. sicuramente il multistrato, anche se di pioppo (il più economico) andrebbe meglio. i pilastri sono di metallo all’esterno e al loro interno hanno un’anima in legno. anche questa nei primi modelli era fatta di legno scadente, quindi mi hanno spedito delle anime di legno buono da sostituire.
    un altro problema riscontrato è stato un mosfet bruciato, che ha tostato anche la basetta multiforo sulla quale poggiava. praticamente la velocità è regolata da questo componente che manda meno corrente al motorino per abbassarne la velocità, ma di contro scalda molto. sono stati accomodanti e gentili e mi hanno spedito nuovi componenti con istruzioni di montaggio e un’aletta di raffreddamento per il fet. mesi prima si era rotta la cinghia e me ne avevano spedita una di ricambio gratis.
    insomma, una marea di lavoro che se l’avessi fatta fare da un tecnico mi sarebbe costata più del revolver.
    Sul suono: i coni da 6 pollici sono poco efficienti, e usata insieme alla 2×12 con i Fane, praticamente non si sente, sembra spenta. usata con due amplificatori va meglio perchè si può dosare il mix, ma portarsi dietro tutto quell’ambaradan, non fa per me.
    Come dice Alvaro, una sola unità non da l’effetto voluto, ma si limita a dare un pò di movimento al sound generale che a me comunque piace, ma da qui a dire che senza si perda il gusto di suonare è una parola grossa 😉
    morale della favola: il gioco non vale la candela: meglio un buon simulatore, magari usato con un mixer di linea tipo Xotic X-Blender, per poterlo usare anche come tappeto sonoro fisso, e all’occorrenza mandare in pieno con un semplice “click” dell’interruttore a piede.
    Tutto quanto detto è un’opinione personale e come tale va considerata.
    ciao
    Peppe

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Content Copy Blocking powered by http://jaspreetchahal.org