LIVE IN MELTDOWN – APPROFONDIMENTI

Tempo qualcuno qui sul blog chiedeva maggiori dettagli circa il setup usato da David nel Live in Meltdown.
Essendo un live “particolare” credo sia giusto dedicargli un piccolo spazio qui, visto che non lo inserirò nella GUIDA AI SETUP.

Il Live in Meltdown è un concerto (o meglio una serie di concerti) che Gilmour ha tenuto tra il 2001 ed il 2002.
Per quanti non lo avessero visto, va detto che la particolarità di questo concerto sta nel fatto che è ACUSTICO… o forse sarebbe più corretto dire dire SEMI-ACUSTICO.
David suona in modo magistrale (e non è una novità!) in una sorta di One Man Show in cui esegue nuovi arrangiamenti pensati per chitarra e voce; ci sono una serie di strumentisti di appoggio, che però fungono da riempimento più che da band.

MELTDOWN

In questo concerto David ha presentato per la prima volta il Sound On Sound.
La pedalboard è ALL TUBE PEDALBOARD realizzata da Cornish e dalla quale poi sarebbe nata la pedalboard di On An Island.

Questi gli effetti presenti nella pedalboad:
BOSS CS-2
CORNISH G-2
BIG MUFF Ram’s Head
CORNISH SS-2
CHANDLER TUBE DRIVER
CORNISH T.E.S.
CORNISH CHORUS (modifica di Cornish di un Boss CE-2)
CORNISH TUBE EQ

Questi gli effetti esterni:
BOSS CS-2
BOSS CE-2
MXR DIGITAL DELAY SYSTEM
ROLAND SDE 3000 DIGITAL DELAY
CONN STROBO TUNER

MELTDOWN

Come detto in questo concerto David presenta il sistema Sound On Sound, con il quale riesce a creare un suono di sottofondo con la propria chitarra sul quale poi suonare il solo.
Il sistema è realizzato inviando il segnale proveniente dalla chitarra ad un pedale volume specifico e da qui verso un Delay con un tempo di ritardo ed un sustain molto lunghi: quando David suona un accordo, apre gradualmente il pedale volume ed il suono viene tenuto dal delay con un sustain di circa 20 secondi.
Per un’approfondimento sul sitema Sound On Sound è possibile leggere QUESTO ARTICOLO

Come detto il concerto è semi acustico e quindi non troviamo le “solite” Black Strat e Red Strat, ma piuttosto chitarre acustiche ed un paio di elettriche… nello specifico le chitarre usate sono:

– TAYLOR 712CE con FISHMAN PIEZO SYSTEM
– OVATION CUSTOM LEGEND 1619-4
– MARTIN D-28 (Bonus)
– CUSTOM VILAPLANA NYLON
– GRETSCH DUO JET
– GIBSON EH150 LAP STEEL

In questo video è possibile apprezzare il sistema Sound On Sound e l’arrangiamento ad hoc per “Shine On You Crazy Diamond” ascoltati proprio in occassione del LIVE IN MELTDOWN

http://www.youtube.com/watch?v=WJc35AhPhTM

7 comments

  1. Beh , credo di essere stato io a disturbarti , e devo dire che la risposta e’ magistrale .
    Grandissimo come sempre e grazie mille . Io ogni tanto la faccio con la mia Takamine tan 45 , ovviamente senza effetti , prossimamente andro’ a inserire un po’ di effettistica. Grazie ancora per le info.
    Paolo

  2. gran bell’articolo 🙂
    personalmente il sound on sound l’ho realizzato utilizzando un ernieball volume/panpdal stereo al quale ho collegato (sull’uscita left) un dd3 che a sua volta andava nell’ampli.
    sull’uscita right invece la pedaliera completa che entrava a sua volta nel secondo canale dello stesso ampli.
    Non so sono riuscito a spiegarmi 🙂

    • Giampaolo

      Si… come dicevo tempo fa in realtà il Sound On Sound si può realizzare in molti modi differenti.

      Bisogna dire che il pedale volume in realtà serve solo per creare un effetto FADE IN sul suono che fa da tappeto, perchè sul suono usato per il solo non si usa…
      …quindi potrebbe essere anche inserito direttamente solo nella “linea” che lavora con il Delay lungo (ad esempio se non si ha un pedale volume stereo)

  3. Giampaolo!!!
    Riferendomi alla prima foto di questo articolo, alla destra di David si vede una specie di scatola con un oblò sopra forse un cabinet……..
    Mi sapresti dire cos’è???

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Content Copy Blocking powered by http://jaspreetchahal.org