Gilmour’s Friends : GUY PRATT

Per la serie “Gilmour’s Friend” questa volta parliamo di GUY PRATT.

Dopo una breve parentesi come Graphic Designer (!) Guy Pratt inizia a 19 anni la carriera di musicista professionista come bassista con David Bowie nel tour “Serious Moonlight” del 1983.

Successivamente Pratt suona con musicisti del calibro di Robert Palmer, Bryan Ferry, Womack & Womack, The Smith…
…fino a quando nel 1987, con la preparazione del tour mondiale “Delicate Sound Of Thunder” David Gilmour e soci, che erano alla ricerca di un “nuovo” bassista vista la divisione con Roger Waters, incontrano Guy Pratt: da allora Pratt è stato il bassista dei Pink Floyd per tutti i successivi tour e per l’album “The Division Bell”, è anche stato il bassista del tour “On An Island”/”Live in Gdansk” di David Gilmour.

Oltre che con Pink Floyd e David Gilmour, Pratt ha collaborato con Madonna, Michael Jackson, Robbie Robertson, Tom Jones, Sophie Ellis
Bextor, Iggy Pop, The Pretenders, Ronan Keating, Echo & the Bunnymen, The Orb, Nathalie Imbruglia, Elton John… tanto per citarne solo alcuni, perchè la lista sarebbe troppo lunga!

Oltre a una carriera come session man, Pratt ha composto moltissime musiche e colonne sonore per il cinema e la televisione ed è co-autore di diversi spettacoli tatrali.
Ha vinto 2 Grammy Awards.

In molti spesso chiedono maggiori informazioni sul setup usato da Guy Pratt nei veri album e tour, così mettendo insieme il setup usato in “Delicate Sound Of Thunder” e quello (più recente) di “On An Island” e “Live in Gdansk”… si ottiene questo setup:

BASSI/CHITARRE
– 1961 Fender Precision 3-tone Sunburst
– 1960 Fender Stack Knob Jazz
– Reissue Fender Precision
– Rickenbacker 4001
– Framus Double Bass
– Framus Triumph Bass
– Fender Stratocaster
– Candy Apple Red Lakland Joe Osborn
– Hofner Icon bass
– Ned Steinberger Design CR
– Status Vintage GP

EFFETTI/AMP
– Ashdown ABM 900 (testata)
– Ashdown 8×10 (cassa)
– WEM Watkins Electric Music (cassa)
– Ernie Ball Volume Pedal
– Demeter Compulator
– Ashdown Bass Overdrive Plus
– MXR Phase 90
– Boss CE-2B
– Boss OC-2
– Boss DD-5
– Boss CS-3
– Roland SDE 3000
– Boss SCC-700 (sistema di controllo)

ALTRO
Cavi Melody Evidence
Corde Elite 40-100 Stadium Strings

Tra gli accessori usati da Guy Pratt vi segnalo che, tra le tracolle utilizzate, c’e’ anche quella realizzata da Martin Pryce, che come sapete è un grande amico di questo blog.

In questo foto (che mi ha inviato lo stesso Martin) vedete Guy con la tracolla da lui realizzata.

Per chi fosse interessato o volesse approfondire il discorso sul grande Guy Pratt, consiglio la lettura del libro “My Bass And Other Animals” scritto proprio da Pratt.

13 comments

  1. …e per la cronaca,nel 1996 ha sposato la figlia del Grande (R.I.P) Richard Wright.

  2. Senza dubbio un talento..

  3. Pietro Porretto

    how…how do you bend ?

  4. dove posso trovare gli effetti che ha usato in pulse in ogni singola canzone…..
    ecome vanno posizionati.
    Per Gilmour hai fatto un buon lavoro ma dove posso andare per quanto riguarda il basso…

    • Giampaolo

      Per il basso non è ancora pronto… sto finendo di mettere insieme le cose… è più difficile perchè non essendo io direttamente a fare le varie prove e sperimentazioni, ho maggiori difficoltà nel mettere insieme il materiale.

  5. Ciao Giampaolo, innanzi tutto complimenti per il blog, é davvero fatto bene e con dovizia di particolari.
    Da molto tempo lo leggo e, essendo “malato” di pink floyd da quando avevo 13 anni (dal momento in cui mio fratello – più grande di me di 5 anni – mi fece ascoltare shine on you crazy diamond) l’ ho subito trovato interessante.
    Solo ora però ho voluto inscrivermi in quanto sto perdendo ore su ore in vane ricerche nel grande mondo di internet. Da anni sono il bassista di una cover band dei grandi pink e vorrei ricreare il più fedelmente possibile il suono di quell’ altro grande “mostro” che é Guy Pratt
    Leggendo il tuo blog ho trovato alcune notizie, per altro molto utili, ma avrei bisogno di più informazioni. Quello su cui mi sto concentrando sono One Of These Days (versione PULSE) e l’ assolo in Money del live DELICATE SOUND OF THUNDER
    Quali effetti usa in questi due brani sono riuscito a capirlo, ma come settarli? sto uscendo pazzo e fra un po mia moglie chiederà il divorzio per tutto il tempo che passo tra internet e prove di settaggio della mia BOSS GT-10B 😀
    So che qui l’ argomento principale é Gilmour e relativo sound (cosa che, ripeto, mi piace tantissimo) ma se potresti “illuminarmi” in qualsiasi modo te ne sarei eternamente grato.
    Grazie del tuo tempo.

    • ciao, per Money uso il Superoctaver OC3 della Boss, mi sembra che Pratt usava l’OC2, mentre per OOTD uso il delay del G Major2 il delay regolato alla giusta cadenza (personalmente l’ho regolato confrontando con “pulse”) ed un feedback che non superi le 9/10 ripetizioni, poi vado di Tumb col pollicione :))
      ciao

  6. …dimenticavo, per quanto riguarda la parte “solistica” di basso in OOTD io splettro in sincronia al delay e attivo un phaser, l’effetto è molto simile.
    Claudio

  7. Ciao anch’io suono in una coverband dei pink floyd,
    per la parte solistica di OOTD prova ad usare un tremolo , un slow attack poi chorus o phaser con il feedback del delay piu’ lungo , a me da un buon effetto!!!

    • ok ci provero, grazie!
      comunque, per la cronaca, ho provato a contattare Guy Pratt, e gli ho chiesto che effetti usa nella parte psichedelica di “Echoes” ecco il copia incolla della risposta:
      ” Just delay, overdrive and phaser..I used a bottleneck for the wind noises..”
      spero che a qualcuno faccia piacere.
      Ciao

  8. Grazie a tutti per i consigli.

  9. da annotare, secondo me, anche il bellissimo Basso Spector NS-2 (USA) con cui ha suonato (in Pulse) pezzi tipo Sorrow, Antother Brick in the Wall pt2, Run Like Hell, Coming Back to life, Take it back, ecc…..
    nel tour del Delicate Sound of Thunder lo utilizzò anche per Shine on, Wish you were here, One Slip,.. è un gran Basso..! io ho avuto uno Spector NS2A ed è davvero eccezionale! 😉

    Ciao a tutti!

  10. Complimenti per il sito!!!
    Un po’ di gossip 🙂
    a dimostrazione che oltre ad avere grandi capacità.. devi avere anche un gran c….

    Guy Pratt… bassista che io amo alla follia, ebbe il suo definitivo lancio nella serie A dopo la sua partecipazione in pianta stabile con i Pink (anche se aveva già lavorato con artisti del calibro di Robert Palmer e Bryan Ferry).
    Inizialmente il bassista preso in considerazione per il tour “Delicate Sound Of Thunder” era lo stesso che incise l’album in veste di bassista “A momentary lapse of reason” .. e cioè ..l’immenso Tony Levin. Il mitico pelatone, declinò (non so se per ragioni contrattuali… o per amicizia) in quanto, il tour pinkfloydiano coincideva con il tour di un suo grande amico … Peter Gabriel…ed ecco la scelta… secondo me azzeccatissima, del grande Guy!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Content Copy Blocking powered by http://jaspreetchahal.org